FANDOM


I Vastifasci (Broadbeams in originale), conosciuti anche come Grandiraggi, sono una delle Sette Casate dei Nani della Terra di Mezzo e tra le più importanti assieme ai Lungobarbi e ai Barbafiamma. Vivono soprattutto sugli Ered Luin e un tempo popolavano le grandi città naniche di Nogrod e Belegost.

Ebbero un ruolo importante durante la Prima Era: furono infatti alleati degli Elfi contro Morgoth durante la Guerra dei Gioielli, ma causarono anche la rovina del Doriath uccidendo Thingol e saccheggiando la reggia di Menegroth.

Dopo la fine della Prima Era e la distruzione del Beleriand (compresa la città di Nogrod), non si ebbero più grandi notizie di questo popolo. Si sa tuttavia che parteciparono alla Guerra tra i Nani e gli Orchi per vendicare Thrór e che i loro guerrieri combatterono nella Battaglia di Azanulbizar.

Descrizione Modifica

Aspetto e carattere Modifica

I Nani dei Vastifasci non differivano molto rispetto ai popoli delle altre casate: alti tra i 120 e i 150 cm, la loro aspettativa di vita si aggirava tra i 250 e i 300 (anche se probabilmente non mancavano coloro che arrivavano a 350) e avevano perlopiù i capelli neri.

Cultura Modifica

I Nani di Nogrod erano rinomati per essere tra i più grandi ed esperti fabbri della loro razza. Non a caso infatti il grande fabbro Telchar e il suo maestro Gamil Zirak appartenevano a questo popolo e furono i loro artigiani a forgiare la famosa collana Nauglamír per Finrod Felagund.

Essi erano inoltre assai abili nell'arte della costruzione e contribuirono a edificare le regge di Menegroth e Nargothrond, così come probabilmente contribuirono a costruire la Strada Nanica del Beleriand.

Storia Modifica

Origini e i primi contatti con gli Elfi Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Nogrod e Prima Guerra del Beleriand.

Gli antenati dei Vastifasci si svegliarono sugli Ered Luin assieme a quelli dei Barbafiamma ai piedi del Monte Dolmed, dove Aulë li aveva posti a dormire dopo averli creati. Essi si stabilirono quindi nelle pendici meridionali della montagna, a sud del fiume Ascar, e costruirono la roccaforte di Nogrod che, assieme a Belegost, divenne la principale città nanica dei Monti Azzurri.

Durante gli ultimi secoli degli Anni degli Alberi i Vastifasci e i Barbafiamma venne contattati da Thingol affinché costruissero per lui una reggia sotterranea e insegnassero al suo popolo a forgiare delle armi per difendersi dai futuri pericoli del nord.

Prima Era Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Nirnaeth Arnoediad, Naugladur, Battaglia delle Mille Caverne e Battaglia di Sarn Athrad.


Seconda Era Modifica

Dopo la distruzione del Beleriand non si hanno molte informazioni riguardo ai Vastifasci, così come per i loro vicini dei Barbafiamma. A causa delle devastazioni provocate dalla Guerra d'Ira sembra che le città di Belegost e Nogrod vennero gravemente danneggiate (l'ultima addirittura distrutta), costringendo entrambi i popoli ad abbandonare le proprie dimore ancestrali.

Stando ai racconti molti membri di questo popolo migrarono ad est, raggiungendo Khazad-dûm dove vennero benevolmente accolti dai Lungobarbi, andandone a incrementare il numero, ma pare che la maggior parte decise di rimanere sugli Ered Luin dove fondarono nuove roccaforti, anche se non tornarono mai allo splendore di un tempo.

Terza Era Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Guerra tra i Nani e gli Orchi.

L'unica notizia certa che si ha riguardo a questo popolo durante la Terza Era è che parteciparono alla feroce Guerra tra i Nani e gli Orchi dal 2793 al 2799 TE. Essi risposero all'appello di Thráin II, intenzionato a vendicare il padre Thrór, e inviarono i propri guerrieri a stanare gli orchi sulle Montagne Nebbiose, prendendo pure parte alla sanguinosa Battaglia di Azanulbizar.

Dopo tale conflitto, costato pesanti perdite, non si hanno più notizie di questo popolo che si mantenne neutrale anche durante la Guerra dell'Anello, alla quale parteciparono solamente i Nani del Popolo di Durin.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.