FANDOM


"Nessuno poteva oltrepassare i Denti di Mordor senza sentirne il morso, a meno di non essere stato invitato da Sauron"
—Il Cancello Nero è chiuso
Le Torri dei Denti era il nome con il quale erano conosciute le torri di Narchost e Carchost. Queste opere di fortificazione furono costruite dai Dúnedain all'inizio della Terza Era per rafforzare la guardia del Morannon all'ingresso del Cirith Gorgor. Con il declino di Gondor esse vennero abbandonate e, in seguito, occupate dai servi di Sauron. Vennero distrutte assieme al resto del Nero Cancello dopo la distruzione dell'Unico Anello.

Nomi e etimologia Modifica

Le torri erano note coi nomi di Narchost e Carchost che significano rispettivamente "Fortezza del Morso Pungente" e "Fortezza della Zanna". Venivano chiamate anche Denti di Mordor, Torri del Nero Cancello e Torri di Guardia del Morannon.

Descrizione Modifica

Le due fortezze erano poste ai lati della strada che portava al Morannon. Le loro finestre si aprivano "a nord, a est e a ovest": a nord verso Dagorlad, a est verso Rhûn e poi a sud verso Minas Morgul e verso Harad.

Storia Modifica

Le torri vennero edificate dai Dúnedain dopo la sconfitta di Sauron nella Guerra dell'Ultima Alleanza. La loro costruzione fu resa necessaria alfine di garantire una migliore sorveglianza del Cirith Gorgor e offrire un riparo migliore alla guarnigione del Morannon. Con il declino di Gondor tuttavia sempre meno soldati sorvegliavano le fortezze, finché queste non furono abbandonate all'inizio del secondo millennio della Terza Era; esse vennero quasi subito occupate dai servitori di Sauron che ne fecero un luogo sudicio di terrore e paura. Le torri vennero rase al suolo assieme al resto del Morannon dopo la distruzione dell'Unico Anello nel 3019 TE, al termine della sanguinosa Guerra dell'Anello.

Adattamenti Modifica

Il Ritorno del Re (1980) Modifica

Trilogia de Il Signore degli Anelli (2001-2003) Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.