FANDOM


Boromir2 Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.

Gli Stregoni Blu, detti anche Ithryn Luin, sono due dei cinque Istari sbarcati sulla Terra di Mezzo per contrastare la minaccia di Sauron, insieme a Gandalf, Saruman e Radagast. I loro nomi sono Alatar e Pallando e il colore a loro attribuito è il blu.

Biografia Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Alatar e Pallando.

Si sa poco circa la storia di questi due istari. Erano entrambi in origine Maiar del Vala Oromë. Insieme agli altri partirono per la Terra di Mezzo nelle vesti di Uomini per aiutare i Popoli Liberi ad unirsi nella lotta contro il crescente male di Sauron.

Si recarono insieme a Curunir all'Est, ma al contrario di lui non fecero mai ritorno. Non si conosce la loro sorte successiva, ma si ipotizza che gli Stregoni Blu si sottomisero a Sauron, fallendo nella loro missione, oppure riuscirono nella creazione di alleanze che portarono molte popolazioni a non unirsi alla Guerra dell'Anello.

AdattamentiModifica

Trilogie di Peter JacksonModifica

Seppur non sono mai presenti direttamente sulla scena, gli Stregoni Blu vengono citati per ben due volte. La prima, indirettamente, quando nella versione estesa de Il Ritorno del Re Saruman dalla cima di Orthanc nomina i "bastoni dei cinque stregoni". Mentre la seconda ne Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato quando Gandalf spiega a Bilbo quanti stregoni vi siano nella Terra di Mezzo. Egli cita se stesso, Saruman, Radagast e gli Stregoni Blu, ma afferma di aver dimenticato i loro nomi.

L'esclusione dei nomi propri degli Stregoni Blu dal film, secondo quanto affermato da Peter Jackson nei contenuti bonus dell'edizione estesa, fu dovuta al fatto che i produttori non avevano acquisito i diritti su tutta l'opera di Tolkien, ma sono per Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. I loro nomi non sono mai menzionati nei libri di cui avevano i diritti, e pertanto non fu possibile utilizzarli nella pellicola.

L'Ombra di Mordor (2014)Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.