FANDOM


"Poi continuammo a salire,sempre più in alto, e giungemmo all'Interminabile Scala».«Era da tempo scomparsa», interloquì Gimli. «Molti hanno persino detto che non è esistita altro che nelle leggende, mentre altri pretendono che sia stata distrutta».«Fu costruita, e mai più distrutta», disse Gandalf. «S'inerpica dalla galleria più profonda sino alla vetta più alta, una spirale ininterrotta dimolte migliaia di gradini che ascende sino alla Torre di Durin, scavata nella viva roccia di Zirakzigil, la punta estrema di Dentargento."
—L'Interminabile Scala, Il Signore degli Anelli

La Scala Senza Fine, altrimenti detta Interminabile Scala, è una delle opere di ingegneria più mirabili costruite dai Lungobarbi nell'antico reame di Khazad-dûm. Viene spesso ricordata nelle storie e nelle canzoni dei Nani, anche se pochi l'hanno mai vista dall'abbandono di Moria nel 1980 TE.

Descrizione Modifica

Endless stair map

Sezione del Celebdil che mostra la Scala Senza Fine

La scala parte dalle profondità della montagna di Celebdil, uno dei tre picchi che sovrastano Khazad-dûm, e si sviluppa per tutta l'altezza della montagna fino ad arrivare alla Torre di Durin, il più alto osservatorio della Terra di Mezzo. Era scavata interamente nella roccia ed era assai grande, tanto che un Balrog poteva muovercisi agevolmente.

Storia Modifica

Stando alle scarne informazioni ricavabili su di essa, la Scala venne costruita durante il lungo regno di Durin il Senzamorte assieme alla Torre di Durin dove i Re di Khazad-dûm solevano recarsi per ammirare dall'alto la Terra di Mezzo. Dopo l'abbandono di Moria da parte dei Nani la scala entrò nella leggenda, e divenne la protagonista delle nostalgiche canzoni dei Lungobarbi anche se alla fine della Terza Era nessuno poteva dire di averla mai vista. Nel 3019 TE Gandalf e il Flagello di Durin la risalirono nel corso del loro duello fino a raggiungere la cima della Torre di Durin. Lo scontro fu talmente violento che la cima della scala e della torre ne furono distrutti.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.