FANDOM


Gloria e caduta di Númenor

I Re di Númenor furono i discendenti di Elros Tar-Minyatur, figlio di Eärendil e fratello di Elrond, che regnarono sull'isola di Númenor e sul popolo dei Dúnedain. Tra i membri della loro razza erano quelli dotati di maggior saggezza e dalla vita più lunga di quella degli altri Dúnedain, che era già più grande rispetto a quella degli altri Uomini. Possedevano inoltre poteri taumaturgici e di preveggenza e potevano scegliere il momento della propria morte. Da Elros, primo Re di Númenor, ad Ar-Pharazôn, usurpatore ma contato come l'ultimo, ci fu un totale di 25 Re, 27 contando anche le Regine. Dopo la caduta di Númenor nel 3319 SE la linea principale dei Re fu spezzata, ma continuò nella Terra di Mezzo con la linea di Elendil, diretto discendente di Elros attraverso Silmariën.

Simboli e poteri Modifica

  • Scettro di Númenor: quando Númenor era ancora potente il potere regale non era rappresentato da una corona (come lo fu in seguito a Gondor e ad Arnor) ma da uno scettro di argento che passava di generazione in generazione. Con Tar-Vardamir si affermò la tradizione di cederlo volontariamente al proprio erede abdicando, consuetudine che in seguito venne abbandonata con l'aumentare della paura della morte. Lo scettro originale andò perduto con Ar-Pharazôn nel 3319 SE, e alla distruzione di Númenor sopravvisse solo lo Scettro dei Signori di Anduinë, modellato sulla forma dello scettro dei Re.
  • Anello di Barahir: inizialmente l'Anello era uno dei simboli di regalità che i primi Re di Númenor tramandavano di padre in figlio. Tar-Elendil tuttavia cedette il gioiello alla figlia Silmariën quando creò il Principato di Andunië assieme alla spada Narsil.
  • Aranrúth: anticamente spada di Re Thingol del Doriath, fu salvata da Elwing e da Celeborn dopo il Secondo Fratricidio. Fu ceduta a Elros da sua madre e da questi ai suoi discendenti, divenendo la spada dei Re di Númenor. Andò perduta durante la distruzione di Númenor, anche se è incerto se sia sprofondata assieme all'isola oppure cingesse il fianco di Ar-Pharazôn.

Inoltre i Re della Casa di Elros vivevano molto più a lungo dei Dúnedain, che già vivevano il doppio degli altri uomini, erano estremamente sapienti di storia e di scienza e inoltre avevano ereditato alcune caratteristiche degli Elfi come grandi abilità curative. Alcuni, come il loro parente Elrond, erano dotati del potere della preveggenza, anche se con il tempo questo potere andò scemando. I Re usufruivano inoltre del Consiglio dello Scettro, una cerchia di nobili e consiglieri fidati, con i quali erano soliti consultarsi.

Storia Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Númenor e Casa di Elros.

I Re di Númenor appartennero tutti, più o meno direttamente, alla Casa di Elros e per quasi tremila anni ressero il regno di Númenor, espandendolo e rendendolo sempre più grande e potente. Tuttavia con l'aumentare della potenza aumentò anche la paura per il Fato degli Uomini: inizialmente era un semplice rimpianto e i Re non ne risentirono molto, tuttavia con l'affermarsi delle pericolose dottrine degli Uomini del Re il rimpianto si trasformò in invidia per l'immortalità degli Elfi e nella brama per la terra benedetta di Aman. Ar-Pharazôn e alcuni suoi predecessori furono i massimi esponenti di queste dottrine e la loro arroganza causò la rovina di Númenor e la morte di moltissimi Dúnedain. La linea dei Re tuttavia sopravvisse alla distruzione della patria degli Uomini del'Ovesturia con le dinastie dei Re di Arnor e di Gondor nella Terra di Mezzo.

Lista dei Re Modifica

Nella sua storia plurimillenaria Númenor ha potuto contare ben 25 sovrani, tra Re e Regine, tutti diretti discendenti da Elros Tar-Minyatur.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.