FANDOM


I Monti di Ferro, noti anche come Ered Engrin, furono un'immensa catena montuosa che dai tempi remoti fino alla fine della Prima Era abbracciava tutto il nord della Terra di Mezzo. Costruita da Melkor come protezione per la sua fortezza di Utumno, a seguito della Guerra d'Ira e la distruzione del Beleriand fu spianata in più punti, anche se ne sopravvivono alcuni pezzi come le Montagne di Angmar, i Monti Grigi e i Colli Ferrosi.

Etimologia Modifica

Il nome Sindarin di questa catena era Ered Engrin che significa letteralmente "Montagne di Ferro".

Descrizione Modifica

Gli Ered Engrin, come specificato sopra, abbracciavano tutto il nord della Terra di Mezzo separandola della Dor Daedeloth e dalle Terre del Ghiaccio Perenne, formando una specie di semicerchio. Si trattava di montagne molto alte e imponenti, che formavano una formidabile barriera contro gli assalti alla fortezza di Utumno della quale Angband non era che una succursale. Degli Ered Engrin facevano parte i picchi del Thangorodrim e il Monte Gunndabad, mentre oggi ne sopravvivono solo alcune parti come i Monti di Angmar, i Monti Grigi e i Colli Ferrosi.

Storia Modifica

Gli Ered Engrin furono eretti da Melkor nei tempi remoti per proteggere la sua fortezza di Utumno dagli attacchi dei Valar. Tuttavia non bastarono a fermare l'esercito di Valinor durante la Seconda Guerra delle Potenze, anche se continuarono a rimanere in piedi. Melkor elevò anche i tre picchi del Thangorodrim (le montagne più alte della Terra di Mezzo) utilizzando il materiale di scavo e i rimasugli delle sue immense fornaci. Per millenni i Monti di Ferro rimasero una presenza incombente che separava la Terra di Mezzo dai domini di Morgoth; gli unici abbastanza coraggiosi da colonizzarli furono i Nani che, nella parte orientale della catena, costruirono diverse roccaforti e miniere. Durante la Guerra dei Gioielli l'Oscuro Signore fortificò ulteriormente i Monti di Ferro, anche per impedire che i suoi nemici potessero aggirarli e prenderlo alle spalle; vi fece comunque scavare enormi tunnel che permettevano ai suoi servitori di aggirare l'Assedio di Angband e a lui stesso di lasciare la fortezza senza essere visto. Nella Guerra d'Ira la devastazione fu tale che quasi tutta la catena montagnosa fu distrutta, tanto che tutti i monti che si trovavano nel Beleriand furono spianati o inghiottiti dal mare. Tuttavia dei pezzi sopravvissero alla distruzione e continuarono ad essere abitati dai Nani che in seguito entrarono in competizione con gli Orchi per il controllo delle gallerie e delle miniare.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.