FANDOM


"Sono forse uomini che egli ha corrotto o ha mescolato le razze degli orchi e degli uomini?"
—Barbalbero sui Mezzorchi

I Mezzorchi sono una razza di Orchi creata da Saruman a Isengard verso la fine della Terza Era. Non si sa come lo Stregone abbia ottenuto tale razza, ma li si vide al suo servizio come soldati e spie. Furono quasi tutti sterminati durante la Guerra dell'Anello e ne rimasero poche decine che furono definitivamente battuti nella Battaglia di Lungacque.

Caratteristiche e aspetto Modifica

Non temono la luce del sole, abilità che li accomuna agli Uruk-hai, ma a differenza di questi ultimi, sono alti e intelligenti come gli Uomini, è inoltre più facile che si mescolino agli uomini come spie, in quanto se indossano il cappuccio, possono facilmente essere confusi con i normali uomini, come ad esempio a Brea, ne La Compagnia dell'Anello, solo il loro volto che conserva tutti i tratti degli Orchi , rende possibile identificarli. La loro altezza si aggira tra 170–180 cm, il loro armamento non è completamente specificato, tuttavia fornirono ben 5000 soldati all'esercito di Isengard.

Storia Modifica

Non si sa in che modo Saruman abbia creato tale razza di orchi: Barbalbero ne Il Signore degli Anelli ipotizza che lo Stregone abbia corrotto degli Uomini, similmente a quanto fece Melkor con gli Elfi per creare i primi Orchi, oppure abbia incrociato in qualche modo uomini e orchi insieme. Vennero notati per la prima volta da Gandalf quando si recò a Isengard da Saruman e poi li si vide anche a Brea, dove si abboccarono con Billy Felci per ottenere una copertura per la loro opera di spionaggio. In seguito formarono una parte cospicua dell'esercito di Saruman, combattendo contro Rohan e creando non pochi problemi ai Rohirrim. Quelli che non furono sterminati durante la Battaglia del Fosso di Helm, seguirono il loro padrone fino alla fine, rifugiandosi nella Contea e divenendo noti come Ruffiani. Nel corso della Battaglia di Lungacque, furono tutti dispersi e sterminati.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.