Lotho Sackville-Baggins era un Hobbit della Contea appartenente all famiglia dei Sackville-Baggins, cugino di Bilbo e Frodo Baggins. Siccome aveva una faccia butterata era soprannominato "Il foruncoloso" o "Il piccolo foruncolo". Durante la Guerra dell'Anello Lotho con l'appoggio di Saruman, col quale aveva giù avviato da anni una stretta collaborazione, s'impadronì del potere nella Contea, anche se in seguito fu poco più che un burattino nelle mani dello stregone. Fu ucciso nel 3019 TE da Grima Vermilinguo su istigazione di Saruman.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Lotho nacque nella Contea nell'anno 2964 TE (1364 CC) da Otho Sackville-Baggins e Lobelia Serracinta. Fu sempre molto viziato dalla madre e da questa venne istigato a bramare l'eredità di Bilbo Baggins, soprattutto Casa Baggins, antico sogno di Lobelia e Otho, quasi realizzatosi quando Bilbo fu dato per morto durante la sua avventura della Montagna Solitaria. Con l'adozione di Frodo da parte di Bilbo le sue possibilità di ereditare sembrarono ridursi al minimo, tuttavia riuscì ad acquistare Casa Baggins dal cugino quando questi partì alla volta di Gran Burrone simulando un trasferimento nella Terra di Buck dai suoi parenti.

Durante la Guerra dell'Anello, Lotho si alleò con Saruman, accordandosi con lui per vendergli grossi quantitativi di erba pipa e derrate alimentari in cambio di denaro, da esso utilizzato per comprare vasti terreni nella Contea, soprattutto nel Decumano Sud, assicurandosene il controllo grazie ad alcuni mezzi-orchi fuggiaschi da Isengard. Forte del suo potere economico, Lotho riuscì a farsi nominare Sceriffo e a concentrare nelle sue mani sempre più potere. Dopo aver fatto rinchiudere il sindaco Will Piedebianco nelle Cellechiuse, assumendo praticamente i poteri di Sindaco, cominciò a industrializzare la Contea, costruendo fabbriche e abbattendo alberi per creare nuove aree edili, ma talvolta anche senza motivo. Il suo titolo era inizialmente "Capo Guardacontea", diventato in seguito semplicemente "Il Capo", tuttavia il Conte Tuc e la gente di Buck si rifiutarono sempre di obbedirgli, cacciando regolarmente gli uomini inviati da Lotho a ridurli alla ragione, forti anche della loro consistenza numerica pari a quella di un piccolo esercito. Dopo l'arrivo di Sharkey (pseudonimo di Saruman) nella Contea, Lotho diventò un fantoccio nelle sue mani e Saruman si servì del suo nome per compiere i peggiori misfatti. Nel TE 3019 venne ucciso da Grima Vermilinguo, molto probabilmente su ordine di Saruman.

Lotho, nel videogioco de "La Compagnia dell'Anello" (2002)

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

La Compagnia dell'Anello (2002)[modifica | modifica sorgente]

Nel videogioco Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello (2002), Lotho è uno degli NPC che passeggiano a Lungacque.

Albero Genealogico[modifica | modifica sorgente]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.