Helm, detto Mandimartello, fu un uomo della stirpe dei Rohirrim, appartenente alla Casa di Eorl, che visse durante la Terza Era. Figlio di Gram, succedette al padre alla morte di questi, nel 2741 TE, divenendo il nono Re di Rohan. Il suo regno fu caratterizzato da frequenti invasioni dei Dunlandiani, che più volte cercarono di impadronirsi di Rohan. Fu un grande guerriero che incuteva grande timore nei propri nemici. Alla sua morte si estinse la prima linea dinastica della Casa di Eorl, mentre suo nipote Fréaláf iniziò la seconda linea che regnò su Rohan fino al 3019 TE.

Etimologia

Il nome Helm è di origine Rohirric e significa letteralmente "Protettore". Mandimartello è invece il soprannome affibbiatogli per la sua immensa forza fisica: i suoi pugni erano infatti talmente potenti da riuscire a uccidere un uomo in un sol colpo, come accadde appunto con Freca.

Biografia

Helm Mandimartello in una fan-art

Giovinezza e ascesa al trono

Helm nacque nel 2691 della Terza Era nella città di Edoras, figlio primogenito di Re Gram.

Helm ascese al trono nel TE 2741 alla morte del padre: all'epoca aveva cinquant'anni e Rohan si trovava in un periodo di grave crisi: Gram si era infatti visto costretto ad affrontare invasioni particolarmente violente da parte dei Dunlandiani che, dalla fortezza di Isengard, conducevano le loro sanguinose spedizioni contro i Rohirrim.

Durante il suo regno Helm entrò in conflitto con un arrogante e ricco proprietario terriero di nome Freca, il quale era un Dunlandiano ma nelle sue vene scorreva sangue Rohirrim. Questi contestava il diritto al trono di Helm, sostenendo di essere un legittimo discendente di Re Fréawine di Rohan. Tuttavia, questa sua pesunta parentela era tradita da tratti che lo rendevano simile ad un dunlandiano, fra cui i capelli scuri, e i Rohirrim non l'avrebbero mai accettato come sovrano. Freca era ricco, e aveva possedimenti sulle rive dell'Adorn, un fiume che scorre attraverso le pianure del Rohan. Egli costruì anche una fortezza alla sorgente del fiume, e questo per dimostrare il suo potere al re Helm, che non si fidava di lui ma lo invitava comunque alle sedute del consiglio; tuttavia l'arrogante nobile partecipava saltuariamente a tali sedute, anche per dimostrare la scarsa considerazione in cui teneva il Re.

La morte di Freca e l'invasione dei Dunlandiani

Helm e Freca

Un giorno Freca si presentò al Consiglio seguito dai suoi uomini, chiedendo a Helm la mano della figlia per suo figlio Wulf. Helm per tutta risposta disse quanto segue: «Sei diventato grande dall'ultima volta che ti vidi, ma suppongo che sia soprattutto a causa del grasso». Le parole di Helm suscitarono molta ilarità fra i presenti, e Freca rispose con ira: «I vecchi re che rifiutano il bastone che si offre loro rischiano di cadere in ginocchio.» Terminata la seduta, Helm si recò da Freca e gli disse: «Il re non permette risse nella sua casa, ma fuori si è più liberi». Entrambi abbandonarono la reggia di Edoras, ed Helm disse agli uomini di Freca: «Andatevene! Non abbiamo bisogno di spettatori». Così, una volta soli nei campi antistanti Edoras, Helm disse a Freca: «Ora, Dunlandiano, hai da regolare i conti solamente con Helm, solo e disarmato; ma hai già parlato troppo, ora tocca a me. Freca, la tua follia è cresciuta come la tua pancia. Parli di un bastone! Se Helm non ama il bastone storto che gli viene tirato addosso, egli lo spezza. Così!» Helm sferrò a Freca un pugno con tale potenza che questo cadde stordito e morì in seguito. Fu così che il figlio di Freca ed i suoi parenti furono proclamati nemici del re, ed essi furono costretti a fuggire davanti ai cavalieri mandati da Helm a cacciarli dal Rohan. Nel TE 2758, quattro anni dopo questo episodio, Helm vide il proprio regno in pericolo: il Rohan veniva invaso dai Dunlandiani, che attraversavano le frontiere occidentali comandati da Wulf, il figlio di Freca. Gondor non poté accorrere in aiuto del Rohan perché temporaneamente impegnato a fronteggiare l'attacco dei Corsari di Umbar.

L'Assedio del Fosso di Helm e la morte

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Assedio di Hornburg.

Hell nella tormenta.jpg

Fu così che il Rohan fu invaso, e i pochi sopravvissuti furono costretti a rifugiarsi nelle valli degli Ered Nimrais. Helm dovette abbandonare i Guadi dell'Isen dopo aver subito molte perdite, e si rifugiò nel Trombatorrione, una fortezza situata in quello che in seguito fu chiamato Fosso di Helm. Wulf conquistò Edoras e vi si insediò, facendosi chiamare re. Durante la difesa di Edoras cadde Haleth figlio di Helm. Ad aggravare la situazione arrivò il Lungo Inverno, che durò dal novembre del TE 2758 al marzo del TE 2759 e che fece soffrire ai Rohirrim la fame; fortunatamente, l'inverno mieteva le sue vittime anche fra i nemici. La disperazione serpeggiava nel Fosso di Helm, e Háma, figlio del re, tentò una sortita con alcuni uomini, ma si perse nelle nevi. Il dolore portò Helm a compiere gesti eroici: egli usciva spesso solo, vestito di bianco, e attraversava i campi nemici mietendo numerose vittime con le proprie mani. I nemici credevano inoltre che Helm, in mancanza di altro cibo, si nutrisse di carne umana; questa leggenda sopravvisse per molti anni, anche dopo la morte di Helm. Prima di ogni sua sortita Helm suonava il suo corno, che rimbombava nella valle, facendo tremare gli avversari, che scappavano alla sua vista. Una notte, come spesso accadeva, Helm suonò il suo corno, ma il mattino seguente venne visto in piedi sulla Diga del Trombatorrione: Helm era in piedi, ma morto. Il Re venne seppellito nel nono tumulo, su cui crebbero fitti i bianchi Simbelmynë, che sembravano ricoprire la tomba del sovrano come neve. L'inverno, che si concluse poco dopo, segnò anche la fine dell'invasione del Rohan. Fréaláf, figlio di Hild, sorella di Helm, con pochi uomini entrò ad Edoras e uccise l'usurpatore Wulf. Anche grazie agli aiuti di Gondor, che si era liberato dei Corsari, i nemici furono cacciati dai confini del Rohan, e prima della fine del TE 2759 il paese era di nuovo libero.

Adattamenti

Il Signore degli Anelli: Le Due Torri (2002)

Nel secondo film della trilogia di Peter Jackson il nome dell'antico Re viene citato più volte e nel cortile del Trombatorrione sorge una sua statua dove in una mano impugna un martello da guerra, mentre nell'altro il suo corno.

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra (2017)

Shadow of War Helm Hammerhand.jpg

Nel videogioco del 2017 la storia del Re viene completamente stravolta rendendolo uno dei Nove Nazgûl. Stando alla trama di l'Ombra della Guerra infatti, Helm venne ferito in un'imboscata da Freca, che rapì sua figlia e lo lasciò a morire. Tuttavia Helm venne raggiunto al suo capezzale da Sauron e Celebrimbor che gli fecero dono di un Anello affinché potesse portare a termine la sua vendetta. Ripresosi dalle ferite e furioso, Helm raggiunse dunque la residenza di Freca dove fece irruzione e tentò di ucciderlo, ma sua figlia (che sembra fosse innamorata del suo rapitore) si frappose tra il padre e Freca venendo colpita a morte dal martello del padre. Resosi conto delle sue azioni, Helm impazzì e cominciò ad uccidere tutti coloro che lo circondavano, incurante del fatto che si trattasse dei suoi uomini o di quelli di Freca e abdicando completamente al male. Per quanto affascinante questa teoria è priva di fondamento in quanto gli spettri dell'Anello comparvero nella tarda Seconda Era, mentre Helm visse e morì circa trecento anni prima della Guerra dell'Anello e ben più due millenni dopo la Guerra dell'Ultima Alleanza.

Albero Genealogico

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.