FANDOM


"Ma non era facile mettere gli Elfi nel sacco. Non appena Sauron si infilò al dito l'Unico Anello, essi ne furono consapevoli; d'altro canto lo conoscevano e si rendevano conto che voleva essere il loro padrone e il dominatore di tutto quanto forgiassero. Sicché, irati ed impauriti, si sfilarono gli anelli. Sauron, però, accortosi che il suo tentativo era stato smascherato e che gli Elfi non si lascavano ingannare montò in collera; e mosse loro guerra aperta, esigendo che tutti gli anelli gli fossero consegnati, dal momento che gli Elfi fabbri non avrebbero potuto giungere a costruirli senza la sua sapienza e il suo consiglio."
—Guerra tra Sauron e gli Elfi, Il Silmarillion
La Guerra tra Sauron e gli Elfi fu un violento conflitto che insanguinò la regione dell'Eriador nella Terra di Mezzo durante la Seconda Era. Durante questo conflitto molte terre furono devastate e Sauron uccise Celebrimbor, l'ultimo discendente diretto della Casa di Fëanor, prima di essere fermato da un'alleanza congiunta di Elfi e Uomini di Númenor nell'anno 1701 SE.

Forze in campo Modifica

Elfi e alleati Modifica

Sauron e alleati Modifica

Antefatti Modifica

Dopo la sconfitta di Morgoth, Sauron vagò a lungo nella Terra di Mezzo cambiando spesso il proprio aspetto e presentandosi ai vari popoli con nomi diversi. Durante questo periodo egli riordinò le fila dello schieramento del Male e radunò i servitori di Morgoth dispersi facendosi riconoscere come loro capo e divenendo il nuovo Oscuro Signore. Mentre viaggiava nella Terra di Mezzo assunse il nome di Annatar, che in elfico significa "Signore dei Doni", e giunse nel regno dell'Eregion dove strinse amicizia con i fabbri dei Noldor che abitavano questa regione e soprattutto con il loro signore Celebrimbor. Questi venne convinto da Annatar/Sauron a forgiare i cosiddetti Anelli del Potere e troppo tardi si accorse che in realtà era stato ingannato da che colui che reputava amico, il quale non era altri non era che l'Oscuro Signore.

La Guerra Modifica

L'attacco di Sauron all'Eregion Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Distruzione dell'Eregion e Primo Assedio di Imladris.
Morte di Celebrimbor-0

Gli Orchi ostentano il cadavere di Celebrimbor

Una volta scoperto di essere stati ingannati, gli Elfi nascosero gli Anelli del Potere e ne forgiarono altri tre più potenti che dettero a Cirdan, Elrond e Galadriel affinché li custodissero. Sauron allora attaccò l'Eregion con le sue legioni di Orchi. Dopo un'eroica resistenza Celebrimbor e i suoi soldati furono sconfitti e questo fu torturato affinché rivelasse dove fossero nascosti gli anelli. Celebrimbor, sebbene straziato dal dolore, non rivelò nulla all'Oscuro Signore che, furioso, lo uccise e lo impalò davanti alla sua residenza. Molti degli Elfi furono uccisi e molti altri dovettero cercare rifugio nel Lindon o a Gran Burrone.

L'Alleanza tra Númenor e il Lindon e la sconfitta di Sauron Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Battaglia del Gwathló.
War between Sauron and Elves map

Quando i sopravvissuti portarono a Gil-galad la notizia del tradimento di Annatar, egli comprese la vera identità di costui e capì il pericolo che gravava sulla Terra di Mezzo. Per questo motivo Gil-galad mobilitò le sue armate e, nel contempo, inviò un messaggio a Númenor chiedendo aiuto per sconfiggere l'Oscuro Signore. A quell'epoca Númenor non era ancora stata corrotta dalla dottrina degli Uomini del Re, così il Re dell'epoca Tar-Minastir accolse favorevolmente la richiesta di Gil-galad ed inviò un esercito di 160,000 guerrieri, tra fanti e cavalieri, guidati da Cirytaur, il suo miglior generale. Nelle battaglie che seguirono l'Eriador e l'Eregion furono terribilmente devastate, ma alla fine gli eserciti alleati riuscirono a sconfiggere le legioni Sauron in una grande battaglia. Sauron stesso riuscì a salvarsi a malapena assieme ad uno dei suoi luogotenenti, riparando in fretta e furia a Mordor. Questa sconfitta fu una delle ragioni che provocarono l'ostilità e il timore che Sauron sempre provò nei confronti dei Numenoreani.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.