FANDOM


"L'avevano chiamato Grond, in memoria dell'antico Martello dell'Oltretomba. Era trinato da grosse bestie e circondato da Orchetti e i vagabondi delle montagne lo spingevano da dietro."
Il Signore degli Anelli, libro V, cap. IV, "L'Assedio di Gondor".

Il Grond, detto anche Testa di Lupo, era un enorme ariete da guerra costruito a Mordor per abbattere il cancelli di Minas Tirith. Fu la più grande arma d'assedio mai costruita nella Terra di Mezzo e l'unica ad essere stata in grado di sfondare i cancelli di Minas Tirith. Fu distrutta dopo la Battaglia dei Campi del Pelennor.

Etimologia Modifica

Grond è un nome Sindarin che significa letteralmente "Martello dell'Oltretomba". Fu chiamato così in onore del martello da guerra di Morgoth.

Descrizione Modifica

"Delle grosse macchine strisciarono attraverso il campo, e fra esse vi era un enorme ariete, grande come l'albero di una foresta, lungo circa cento piedi, sostenuto da possenti catene. Da molto tempo ormai le oscure fucine di Mordor erano intente a forgiarlo, e la sua mostruosa testa, fusa in acciaio nero, riproduceva le sembianze di un lupo vorace; esso recava in sé diabolici incantesimi."
Il Signore degli Anelli, libro V, cap. IV, "L'Assedio di Gondor".
Si trattava di un enorme artefatto creato in acciaio nero, modellato a forma di lupo ringhiante in modo da ispirare terrore nel nemico; era lungo più di 100 piedi (circa 40 metri) e per spingere l'enorme struttura erano necessari, oltre ai Troll di montagna, anche diverse Grandi Bestie che lo trascinassero contro l'obiettivo.

Storia Modifica

Il Grond fu costruito negli ultimi anni della Terza Era poco prima dello scoppio della Guerra dell'Anello. Per anni i fabbri di Sauron lavorarono nelle fucine di Barad-dûr per costruire questa enorme macchina d'assedio, l'unica in grado di sfondare i possenti cancelli di Minas Tirith forgiati in metallo numenoreano all'epoca dello splendore di Gondor.

Il Re Stregone di Angmar dette il proprio contributo alla sua creazione, incantando con incantesimi di protezione la punta dell'enorme ariete al fine di renderlo indistruttibile.

L'artefatto fu battezzato col nome di Grond in onore del Martello degli Inferi, l'arma usata da Morgoth durante il duello contro Fingolfin. La macchina d'assedio ebbe il suo primo ed unico utilizzo durante l'Assedio di Minas Tirith, durante il quale fu in grado di abbattere gli indistruttibili cancelli della città unicamente con tre colpi.

Venne presumibilmente distrutto dopo la battaglia a seguito della sconfitta delle armate di Sauron da parte delle forze dei popoli Liberi della Terra di Mezzo.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.