FANDOM


! Articolo Non-Canonico:Questa voce tratta di un personaggio, un luogo, un oggetto o un evento che ha origine da fonti non-canoniche, comparendo solo nelle teorie dei fan e studiosi di Tolkien.
Per maggiori informazioni su quali contenuti sono considerati "canonici", vedi il Manuale di Stile
.
!

Goblin è un altro nome con il quale sono conosciuti gli Orchi nelle opere di Tolkien, soprattutto ne Lo Hobbit dove sono i maggiori antagonisti, il quale si ispirò all'antico termine inglese che è sinonimo di Orco. Tuttavia col passare del tempo si è teso a identificare i Goblin come una sotto-razza degli Orchi e come tali vengono rappresentati piccoli e più agili. Con le trilogie di Peter Jackson i Goblin sono entrati definitivamente nell'immaginario collettivo come una razza a sè stante, anche se in realtà non hanno alcuna differenza con i normali orchi.

Etimologia Modifica

Tolkien disse che il termine Orco e Goblin erano sinonimi e che il secondo termine era più comune nella lingua degli Hobbit, i quali erano soliti indicare gli orchi più grandi come Hobgoblin.

Descrizione Modifica

Le loro abilità nel costruire armi e nel combattere sono uguali a quelle presentate dagli Orchi, ma a differenza di questi ultimi, sono alti proprio come i Nani. La loro più grande forza era il numero e forze anche più degli orchetti, potevano sostenere lunghissime marce (potevano camminare infatti per più di due giorni senza mai fermarsi.) La loro più grande debolezza è il non sopportare la luce del sole. Inoltre incrociando questa razza con quella degli Uomini era possibile dar vita agli Uruk-hai (come annotato da Gamling nelle due torri il libro.)

Storia Modifica

Sono comparsi nella Prima Era e persistettero fino alla Terza Era, soprattutto in quest'ultima mostrano la loro rilevanza, nella Guerra tra i Nani e gli Orchi, la Battaglia dei Cinque Eserciti e nella Guerra dell'Anello.

Adattamenti Modifica

Trilogia de Il Signore degli Anelli (2001-2003) Modifica

Trilogia de Lo Hobbit (2012-2014) Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.