Fréaláf, detto Hildeson, fu un uomo della stirpe dei Rohirrim, appartenente alla Casa di Eorl, che visse durante la Terza Era. Figlio di Hild, sorella di Helm, succedette allo zio alla morte di questi nel 2759 TE, diventando il decimo re di Rohan e sconfiggendo Wulf e i Dunlandiani.

Durante il suo regno Saruman pose la propria dimora a Isengard. Con lui ebbe inizio la Seconda Linea della Casa di Eorl.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome Fréaláf deriva dal Rohirric e significa letteralmente "Signore Sopravvissuto".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fréaláf nacque a Rohan nel 2726 TE da Hild, sorella di Helm Mandimartello; di suo padre non si conosce il nome, ma probabilmente era un nobile imparentato con la Casa di Eorl.

Nel 2758 TE, durante il Lungo Inverno, Rohan fu attaccato dai Dunlandiani guidati da Wulf figlio di Freca, che per l'occasione si era anche alleato con i Corsari di Umbar e gli Esterlings. Per un soffio Fréaláf riuscì ad evacuare Edoras e a rifugiarsi con dei Rohirrim nell'antica fortezza di Dunclivo, mentre lo zio e i suoi cugini si ritiravano ad Aglarond.

Nella primavera del 2759 TE, con la fine del Lungo Inverno, Fréalaf fece una sortita da Dunclivo e con uno squadrone di Rohirrim riuscì a giungere inaspettato a Edoras e a riconquistarla. Nel frattempo dal sud giunse Beren a marce forzate con l'Esercito di Gondor e insieme i due alleati liberarono Rohan dalla minaccia dei Dunlandiani liberando anche le foci dell'Isen dalla presenza dei Corsari di Umbar. Gli invasori superstiti si asserragliarono tra le mura di Isengard ma vennero circondati e assediati finché non si arresero per fame.

In quanto nipote di Helm, i cui figli erano morti ad Aglarond, Fréaláf venne dunque incoronato Re di Rohan inaugurando la Seconda Linea della Casa di Eorl. Durante la sua incoronazione Saruman il Bianco riapparve dopo una lunghissima assenza e si presentò come amico di Rohan, proponendosi come alleato e guardiano della Breccia di Rohan. Fréalaf accettò le offerte dello Stregone e convinse Beren a cedere a Saruman le chiavi di Orthanc e questi si stabilì dunque a Isengard.

Fréaláf recuperò poi il corpo dello zio e lo fece seppellire nel nono tumulo presso i Tumuli dei Re di Rohan. Regnò per ben trentanove anni, impegnandosi a sanare Rohan dalle ferite della guerra e scacciando gli ultimi Dunlandiani che ancora minacciavano il suo regno. Morì nel 2798 TE all'età di settantadue anni e gli succedette sul trono il figlio Brytta Léofa.

Albero Genealogico[modifica | modifica sorgente]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.