FANDOM


Articolo non-canonico. Questa voce tratta di un personaggio, un luogo, un oggetto o un evento che ha origine da fonti non-canoniche. Fonte: Il Signore degli Anelli: La Guerra del Nord.
Per maggiori informazioni su quali contenuti sono considerati "canonici", vedi il Manuale di Stile.
Boromir2 «...tanti timori e dubbi per una cosa così piccola. Un oggettino...»
Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.
Eradan fu un uomo della stirpe dei Dúnedain del Nord che visse a cavallo tra la Terza e la Quarta Era. Figlio di Baranor, fece parte dei Raminghi del Nord e assieme all'elfa Andriel e al nano Farin combatté durante la Guerra dell'Anello per contrastare il Numenoreano Nero Agandaûr nel nord della Terra di Mezzo. É uno dei protagonisti del gioco Il Signore degli Anelli: La Guerra del Nord (2011).

Etimologia Modifica

Il nome Eradan è di origine Sindarin e significa letteralmente "Uomo Solitario".

Poteri e abilità Modifica

Eradan unisce alle caratteristiche fisiche dei Dúnedain (altezza, resistenza e sensi molto sviluppati) una grande abilità nell'utilizzo dell'arco, della spada e nelle tecniche di guerriglia. É in grado di muoversi molto silenziosamente per cogliere i nemici di sorpresa e i suoi sviluppati sensi di ramingo gli consentono di accorgersi delle minacce imminenti.

Biografia Modifica

Eradan nacque sul finire della Terza Era, probabilmente tra il 2960 e il 1980 TE, da Baranor della stirpe dei Dúnedain del Nord. Come il padre fu addestrato fin da giovane all'arte della guerra e nelle tecniche di sopravvivenza , acquisendo un buon bagaglio di conoscenze che gli permise di sopravvivere. Una volta maturo entrò a far parte dei Raminghi del Nord e fu posto sotto il comando di Halbarad, che comandava i raminghi di guardia ai confini della Contea.

Guerra dell'Anello Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Il Signore degli Anelli: La Guerra del Nord.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.