Tolkienpedia

Ciao! Benvenutə su Tolkienpedia banner black.png, la più grande enciclopedia italiana su Tolkien, scritta dai fan per i fan!

Vuoi scrivere o correggere un articolo? Vuoi fare qualche domanda nel nostro forum? Oppure vuoi semplicemente navigare sul sito senza pubblicità? Registrati, è gratis!

LEGGI DI PIÙ

Tolkienpedia
Advertisement

"«Il Caradhras era chiamato il Crudele», disse Gimli, «e godeva di una cattiva nomea anni ed anni addietro, quando di Sauron nessun rumore ancora era giunto in queste contrade»"
Il Signore degli Anelli, libro II, cap. III, "L'Anello va a Sud".

Caradhras è una vetta appartenente alla catena delle Montagne Nebbiose, situata sopra le Miniere di Moria, la più lontana a nord-ovest.

La credenza popolare era che la montagna avesse un animo malvagio e tentasse con ogni mezzo di non far passare attraverso di sé i viandanti, utilizzando neve e tempeste per scoraggiarli o, peggio, ucciderli. Per questo motivo, era soprannominato "Il Crudele".

Etimologia[]

Caradhras in Quenya significa letteralmente "Cornorosso", essendo composto da caran ("rosso") e ras ("corno"). Il nome deriva probabilmente dal fatto che i suoi versanti appaiono di un rosso scuro, come macchiati di sangue.

In Khuzdul è conosciuto come Baranzinbar, mentre in Sindarin è noto come Carhandaras che significa "Crudele Cornorosso".

Descrizione[]

La vetta sorge sopra le Miniere di Khazad-dûm e dei tre picchi , assieme al Celebdil e al Fanuidhol, che sovrastano era la più lontana posta a nord-ovest. Dominava un alto valico montano, chiamato ne Il Signore degli Anelli come Cancello Cornorosso. Aveva una fama sinistra in tutta la Terra di Mezzo a causa dei suoi pendii scoscesi e pericolosi, coperti di neve perenni e spesso i viaggiatori preferivano non avventurarvisi, propendendo per la Breccia di Rohan.

Nelle sue viscere si trovava la più ricca miniera di Mithril della Terra di Mezzo, e più in basso, nel grande abisso di Khazad-dûm, vi dimorava il Balrog, fino a che non fu sconfitto e ucciso da Gandalf il Grigio.

Storia[]

Il passo Cornorosso originariamente collegava l'antico reame Noldorin di Eregion nell'ovest alla Valle dei Rivi Tenebrosi e quindi alla Valle dell'Anduin nell'est. Dopo la distruzione dell'Eregion nella Guerra tra Sauron e gli Elfi, questo passo fu usato più che altro nei viaggi degli Elfi tra il reame di Lórien e l'Eriador.

Sembra che gli Hobbit abbiano usato questo passo durante la loro migrazione dai Campi Iridati verso ovest.

Il Passo Cornorosso è notoriamente infido, divenendo noto in particolare nel 2059 TE a causa del rapimento da parte degli Orchi della moglie di ElrondCelebrían.

Durante la Guerra dell'AnelloNove Viandanti  tentarono di attraversare il passo, ma questo tentativo rischiò di finire in tragedia durante una tempesta di neve. Oltre alla tempesta stessa, subirono il rumore angosciante del vento (che Gimli era sicuro si trattasse in realtà della maligna risata del Caradhras) e di una frana di pietre, dove per poco rischiarono di venire intrappolati sotto cumuli di neve. In particolare Gimli, così come Boromir e un po' meno Aragorn, attribuirono questa combinazione di minacce alla malizia del Caradhras. Furono queste le cause che li costrinsero ad addentrarsi nelle miniere di Moria.

Adattamenti[]

Il Signore degli Anelli (1978)[]

Il Signore degli Anelli: la Compagnia dell'Anello (2001)[]

Caradhras.png

Nell'adattamento cinematografico di Peter Jackson, è Saruman che aizza il Caradhras contro la Compagnia, al fine di fermare l'avanzata dell'Anello per mezzo del Balrog annidato nelle viscere di Moria.

Advertisement