Tolkienpedia

Ciao! Benvenutə su Tolkienpedia banner black.png, la più grande enciclopedia italiana su Tolkien, scritta dai fan per i fan!

Vuoi scrivere o correggere un articolo? Vuoi fare qualche domanda nel nostro forum? Oppure vuoi semplicemente navigare sul sito senza pubblicità? Registrati, è gratis!

LEGGI DI PIÙ

Tolkienpedia
Advertisement
Tolkienpedia

Amon Dîn era un forte che sorgeva sull'omonima collina a nord-est di Minas Tirith e faceva parte del sistema di Fuochi di Segnalazione di Gondor.

Etimologia[]

Amon Dîn è un nome di origine Sindarin che significa letteralmente "Montagna/Collina Solitaria". La collina assunse questo nome in quanto per la sua natura isolata e rocciosa era raramente frequentata da uomini o animali

Descrizione[]

La collina di Amon Dîn sorge a nord-est della città di Minas Tirith a poca distanza dai colli alberati della Foresta Druadana. Data la sua natura isolata e rocciosa non è molto frequentata né da uomini né da animali e fu probabilmente per questo che ricevette tale nome. Sulla cima della collina sorge l'omonimo fortino, dotato di stallaggi e ricoveri per accogliere eventuali messaggeri e una piccola guarnigione incaricata di proteggere il forte e mantenere in efficienza il faro.

Storia[]

Per i primi secoli della Terza Era la collina rimase disabitata e non ricopri alcun ruolo nella storia del regno di Gondor, allora in piena espansione. Tuttavia con l'estinzione della Linea di Anárion e il declino della potenza dei Dúnedain si pose il problema della difesa dei confini del regno. I Sovrintendenti di Gondor quindi costruirono diverse fortezze (tra cui Cair Andros e il Rammas Echor) ed idearono il sistema delle Torri-faro per segnalare eventuali pericoli e chiamare in aiuto gli alleati di Gondor. La collina di Amon Dîn venne quindi identificata come il luogo ideale dove costruire un posto di guardia: lontana, ma non troppo da Minas Tirith, poteva agevolmente controllare il transito da Cair Andros e dall'Ithilien settentrionale inoltre la sua posizione alta e isolata la rendeva perfetta per costruire un sistema di segnalazione visibile anche da lontano.

Adattamenti[]

Il Signore degli Anelli: il Ritorno del Re (2003)[]

Nel terzo film della trilogia, a differenza di quanto descritto nel libro, il fuoco di Amon Dîn non è un fortino eretto su una collina, ma sorge direttamente sugli Ered Nimrais e non brucia già durante l'arrivo di Gandalf e Pipino ma deve essere ancora acceso a causa del rifiuto di Denethor di chiamare in aiuto Rohan cosa che nel libro non appare.



Advertisement