FANDOM


Boromir2 Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.

L'Akallabêth è la storia della distruzione di Númenor scritta da Elendil alla fine della Seconda Era, qualche anno prima della sua morte. In essa viene raccontato come i Dúnedain di Númenor, discendenti di quegli Uomini che aiutarono gli Elfi contro Morgoth durante la Prima Era, dopo aver conosciuto la gloria e la potenza vennero corrotti da loro rancore contro i Valar e gli Elfi ed infine definitivamente volti al male da Sauron sotto Ar-Pharazôn. Per questo e altri motivi alla fine Eru decretò la sua condanna contro i Dúnedain che avevano ormai demeritato i doni da lui concessi, ed egli evocò quindi onde e terremoti che distrussero per sempre l'Ovesturia, portando con sé molti dei suoi abitanti.

Etimologia Modifica

Akallabëth è una parola che trae la sua origine dall'Adûnaico e significa letteralmente "Così essa (Númenor) cadde". In Quenya il nome è invece trasposto come Atalantë che deriva dalla radice verbale -talat che significa "Caduta".

Antefatti Modifica

L'invidia dei Dúnedain e l'ascesa degli Uomini del Re Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Numenoreani Neri.


La Prigionia di Sauron e la corruzione dei Dúnedain Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Ar-Pharazôn.


La Guerra contro i Valar e la vendetta di Eru Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Guerra tra Númenor e i Valar.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.