Tolkienpedia
Advertisement
Tolkienpedia

Gli Éothéod furono un popolo di Uomini affini alla stirpe degli Uomini del Nord che visse nella Terra di Mezzo, precisamente nell'alta Valle dell'Anduin, tra il 1856 TE TE e il 2510 TE.


Discendenti dagli Uomini del Rhovanion, i quali furono a lungo fedeli alleati di Gondor, erano famosi per essere grandi allevatori di cavalli e intrepidi guerrieri; furono coinvolti marginalmente anche nella Guerra tra Angmar e Arnor, durante la quale combatterono al fianco dei Dúnedain contro il Re Stregone.

A seguito della Battaglia di Fornost si trasferirono ancora più a nord dove il loro Re Fram, fondatore della città di Framsburg, si distinse uccidendo da solo il drago Scatha e rivendicando per sé l'immenso tesoro che la creatura aveva rubato ai Nani delle Montagne Nebbiose.

Nel 2509 TE il loro Re Eorl il Giovane venne in aiuto del Sovrintendente Cirion con i propri cavalieri, dando un decisivo contributo alla definitiva sconfitta dei Balchoth in quella che viene ricordata come la Battaglia del Campo di Celebrant.

Per ricompensare gli Éothéod dell'aiuto prestato, Cirion fece dono a Eorl della provincia del Calenardhon in cambio di un giuramento di eterna alleanza e amicizia verso Gondor; fu così che gli Éothéod abbandonarono le loro terre nella Valle dell'Anduin e si trasferirono nel loro nuovo regno, dove divennero in seguito noti come Rohirrim.

Etimologia[]

La parola Éothéod deriva dall'antico linguaggio Rohirric, e significa letteralmente "Signori dei Cavalli", anche perché come i loro discendenti Rohirrim essi erano rinomati per essere grandi allevatori di cavalli ed esperti cavalieri.

Descrizione[]

Aspetto e carattere[]

Gli Éothéod condividevano molte caratteristiche sia con gli Uomini del Nord che con i loro discendenti Rohirrim: i membri di questo popolo fisicamente erano infatti molto alti (tra l'1,85 e i 2 metri), dalla carnagione chiara, gli occhi azzurri o grigi e folte capigliature bionde.

Erano impavidi guerrieri che non arretravano di fronte al pericolo e amici leali rispettosi delle leggi dell'ospitalità e delle alleanze.

Cultura e società[]

Come i Rohirrim essi svilupparono un profondo amore per i cavalli e ne divennero appassionati allevatori, costruendo la propria civiltà e cultura attorno al cavallo e alla guerra; il loro Sovrano Eorl il Giovane (che in seguito fu il primo Re di Rohan), ammaestrò lo stallone selvaggio Felaróf, il quale fu il primo della stirpe di cavalli nota come Mearas.

Essendo essenzialmente contadini e allevatori di cavalli, gli Éothéod non vivevano in grandi città come gli Uomini di Gondor ma, similmente agli Uomini del Nord, abitavano in villaggi fortificati di legno medio-grandi, sparsi per le grandi vallate della Valle dell'Anduin; l'unica grande città con anche edifici in pietra di cui si abbia notizia fu Framsburg, fondata da Re Fram, la quale venne abbandonata a seguito della migrazione degli Éothéod nella regione del Calenardhon.

Politicamente gli Éothéod erano governati da un Signore (o Re), la cui famiglia traeva origini addirittura da Vidugavia, primo Re del Regno del Rhovanion; il primo sovrano di questo popolo fu Marhwini il quale, dopo aver guidato il suo popolo contro gli Esterlings che avevano occupato il Rhovanion, decise di migrare a sud-ovest verso la Valle dell'Anduin, dove fondò un nuovo regno per la sua gente.

Storia[]

Origini e la migrazione nella Valle dell'Anduin[]

Marhwini, primo Re degli Éothéod

Dopo la disastrosa Battaglia delle Pianure (1856 TE), nella quale trovarono la morte sia Narmacil II che Marhari, buona parte di quello che un tempo era stato il Regno del Rhovanion venne occupato dagli Esterling delle tribù dei Carrieri che schiavizzarono o obbligarono a fuggire gran parte della popolazione.

Marhwini, figlio di Marhari, raccolse i superstiti del suo popolo e li guidò ad ovest del Bosco Atro, stabilendosi nella Valle dell'Anduin dove vennero raggiunti da altri fuggiaschi delle incursioni dei Carrieri.

Dopo aver aiutato di nuovo Gondor a sconfiggere gli Esterling nella Seconda Battaglia di Dagorlad, Marwhini non ricostruì il Regno del Rhovanion e si ritirò nuovamente nella Valle dell'Anduin dove i suoi discendenti guidarono il suo popolo che cominciò ad essere noto come Éothéod, ovverosia "popolo dei cavalli".

Combatterono anche contro Angmar nella Guerra del Nord e, dopo la sconfitta del Re Stregone, sotto la guida del loro Re Frumgar si spostarono ancora più a nord del Bosco Atro, dove fondarono anche una città che poi sarebbe stata nota come Framsburg.

Da Fram a Eorl e la fondazione di Rohan[]

Gli Éothéod, loro malgrado, si trovarono coinvolti anche nella terribile Guerra tra i Nani e i Draghi che vide opporsi i Nani del popolo dei Lungobarbi che abitavano le Montagne Nebbiose contro i Draghi discesi dalle desolazioni settentrionali.

Un drago in particolare, di nome Scatha, dopo aver ucciso molti Nani e accumulato un enorme tesoro cominciò a molestare gli Éothéod mangiando i loro cavalli e spesso uccidendo i guardiani.

Fram uccide Scatha in un'illustrazione di Donato Giancola.

Allora Fram, pronipote di Marhwini, si fece avanti e affrontò il drago uccidendolo dopo una dura lotta. Con la morte del drago Fram s'impadronì anche dell'immenso tesoro sul quale tuttavia i Nani avanzarono pretese, ritenendo giusto che il frutto dei saccheggi del drago tornasse ai legittimi proprietari; il Re degli Éothéod tuttavia rifiutò le loro richieste, ritenendo che la sua gente si fosse guadagnata il diritto sul tesoro del drago, e assieme ad una piccola parte del tesoro inviò ai nani una collana fatta coi denti del drago con un messaggio: «Gioielli come questi non li troverete nei vostri tesori, poiché non sono facili da ottenere». Alcuni dicono che i Nani, sentendosi insultati, avrebbero poi assassinato Fram in un'imboscata.

Eorl presta il proprio giuramento sulla Tomba di Elendil by Denis Gordeev

Dopo Fram il Re più glorioso degli Éothéod fu indubbiamente Eorl il Giovane: figlio di Léod, a soli sedici anni domò lo stallone selvaggio Felaróf che aveva causato la morte del padre, e che divenne il primo della stirpe dei Mearas.

Nel 2509 TE Eorl rispose alla richiesta di aiuto di Gondor e guidò un esercito che disfece l'armata dei Balchoth nella Battaglia del Campo di Celebrant impedendo che l'esercito di Gondor venisse sconfitto.

Per ricompensarlo dell'aiuto, il Sovrintendente di Gondor Cirion donò a Eorl la regione del Calenardhon, dove gli Éothéod fondarano un regno in seguito noto come Rohan. L'alleanza con Gondor e il passaggio di sovranità dei territori furono formalizzati con il Giuramento di Eorl ad Amon Anwar, luogo in cui fu sepolto Elendil, con il quale il giovane sovrano giurò eterna amicizia a Gondor e al suo popolo, promettendo a nome suo e dei propri discendenti di accorrere con i propri cavalieri ogni volta che Minas Tirith fosse stata in pericolo.